SALFi SALFi CONFSAL UFE  
Home
lunedì 16 gennaio 2017
 
 
Notizia Flash - Convegno “esplicitare il debito implicito” Stampa

  News CONVEGNO INPS News

Convegno “esplicitare il debito implicito”

 

Il Segretario Generale ha partecipato in data odierna al convegno alla presenza di Laurence Kotlikoff, William Fairfield Warren, Professore alla Boston University, per una lezione di contabilità intergenerazionale, soffermandosi sull’importanza di considerare gli effetti di lungo periodo sul debito pensionistico quando si valutano le misure in campo previdenziale.

Inoltre, vi è stata una lectio magistralis di Agar Brugiavini, Professoressa di economia politica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Al presente link, il materiale informativo. 

 
Notiziario Confsal n. 2/2017 Stampa

ImageNotiziario Confsal n.2/2017

 

§  CCNQ PER LA RIPARTIZIONE DEI DISTACCHI E DEI PERMESSI PER IL TRIENNIO 2016-2018

 

Si è svolto all’ARAN il primo incontro sulla tematica di cui all’oggetto con la presenza di tutte le confederazioni rappresentative dei nuovi comparti e delle aree dirigenziali.

L’incontro ha avuto carattere interlocutorio e, dopo una breve introduzione sulle linee di indirizzo su cui l’ARAN deve operare, si è incentrato sulla individuazione del  metodo e delle procedure da seguire.

Dopo un giro di interventi da parte dei portavoce delle confederazioni presenti, il presidente dell’ARAN, Dott. Sergio Gasparrini, ha preso atto con soddisfazione che nessuno ha posto pregiudiziali sul metodo di lavoro e, quindi, sulla possibilità di operare riunioni congiunte relative ai comparti e alle aree dirigenziali, riservando, ove necessario, a specifiche riunioni separate tra comparti e aree dirigenziali, le tematiche che richiedono di trattare le relative specificità.

In relazione alla tematica dei tempi di definizione della trattativa ha affermato di voler agire in tempi brevi, ma compatibili con la complessità della materia, e, per le prossime riunioni, di operare per tematiche su cui di volta in volta proporrà di iniziare la discussione da una bozza, aperta a modifiche e/o integrazioni, da cui partire per il necessario confronto. La prima riunione è stata ipotizzata entro 10 giorni.

 

Cordiali saluti

 

 

        Il  Segretario Generale

                                                                                                                  Prof. Marco Paolo Nigi

 

Leggi tutto...
 
Notizia Flash - Fondo MEF Stampa

  News FONDO DI PREVIDENZA MEFNews

ANNO 2017 - Nuovi criteri

  

Il CdA del Fondo nella seduta del 21.12.2016 ha approvato i nuovi criteri per l’anno 2017. La percentuale di sovvenzione sulle spese sanitarie rientranti in tabella A è stata fissata al 90% e quella sulle spese sanitarie sostenute per patologie non rientranti in tabella A è fissata al 70%. Per l’anno 2017 la sovvenzione annuale per l’invalidità dei coniugi e dei figli a carico dell’iscritto è stata determinata in € 6.000,00 per minorazioni comportanti un grado di invalidità del 100% ed in € 3.000,00 per minorazioni comportanti un grado di invalidità compreso tra il 74 ed il 99%; la sovvenzione annuale per l’invalidità degli altri familiari fiscalmente a carico dell’iscritto è stata determinata in € 4.000,00 per minorazioni comportanti un grado di invalidità del 100% ed in € 1.500,00 per minorazioni comportanti un grado di invalidità compreso tra il 74 ed il 99%.

Per l’anno 2017 la quota annuale per l’anticipazione è fissata in € 550 per ogni anno di servizio maturato.

 
Notizia Flash - Entrate - Pagamento II acconto FPSRUP anno 2015 Stampa

  News AGENZIA DELLE ENTRATENews

Pagamento II acconto FPSRUP anno 2015

  

Facendo seguito a quanto già anticipato con notiziario del 15 dicembre u.s., si comunica che con il cedolino di gennaio sarà in pagamento il secondo acconto FPSRUP, relativo all'anno 2015.

 
ADM - Pubblicazione graduatorie passaggi di fascia anno 2015 Stampa

 

 

Al Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

dott. G. Peleggi

 

 

OGGETTO: Pubblicazione graduatorie passaggi di fascia anno 2015

 

         Le scriventi OO.SS. preso atto positivamente della pubblicazione delle graduatorie relative ai passaggi di fascia economica anno 2015, su segnalazione di alcuni lavoratori e sulla base di successive verifiche effettuate,  fanno presente quanto segue:

·         alcuni dipendenti risultano sorprendentemente vincitori di più di una  procedura il ché è evidentemente un errore;

·         alcuni dipendenti non in possesso del requisito minimo di partecipazione, risultano fra i vincitori quando, per contro, dovrebbero essere già stati esclusi o, al massimo, ammessi con riserva nel caso vi fossero dubbi sull’effettivo calcolo dell’anzianità di fascia.

Le casistiche sopra esemplificate, rendono evidente che, probabilmente per la celerità di tempistica nella pubblicazione delle graduatorie, si sia creata qualche discrasia nel coordinamento o nell’indirizzo dato alle direzioni territoriali per la verifica dei requisiti e dei titoli.

Pertanto riteniamo necessaria, onde evitare possibili e molteplici ricorsi, una immediata verifica e rettifica delle graduatorie errate in ordine ai  profili su richiamati.

In attesa di cortese riscontro si porgono cordiali saluti.

28/12/2016

 

SALFI                                                                       FP CGIL                                                                       CISL FP                                       UILPA

Fici                                                                           Iervolino                                                                       Fanfani                                         Procopio


 
Il Lavoro Finanziario - n.4/2016 Stampa

  IL LAVORO FINANZIARIO

N. 4 (ottobre - dicembre 2016)

 

E' online la nuova edizione de "Il Lavoro Finanziario" 

Pubblicazione garantita dal solitario impegno del Segretario Generale.

Lavoro finanziario

 
Not.16-059 -AF - Forme di democrazia rappresentativa Stampa

Image

 

 

 

 

 

 

 

Editoriale del Segretario Generale

 

 

Forme di democrazia rappresentativa

 

 

 

E’ a voi tutti noto che la partecipazione della collettività alla “gestione del potere” è, da sempre, vissuta attraverso l’istituto giuridico della rappresentanza.

In altri termini, la voluntas delle decisioni è quindi assunta non da omnibus, bensì da quei soggetti che sono stati designati, attraverso le forme della c.d. democrazia rappresentativa.

Quanto sopra, avviene non solo nelle collettività ampie, ma anche in quelle ristrette, ove, come nel nostro caso, i partecipanti alla medesima categoria professionale, al fine di esternare e realizzare i propri interessi, generali e specifici, ricorrono al meccanismo della c.d. rappresentanza, laddove il portavoce del gruppo è colui che deve rappresentare, innanzitutto, gli interessi comuni e, poi, anche quelli dei singoli, se vi coincidano.

Leggi tutto...
 
AE - Comunicato Unitario 15 dicembre Stampa

 

Agenzia delle Entrate

 

Firmata intesa su finanziamento

di nuove progressioni economiche.

Incrementato da 7 a 17 mln di euro

per circa 10.700 passaggi di fascia!

Importanti novità anche per P.O. artt. 17 e 18.

 

Dopo una intensa trattativa avviata alcune settimane fa e per nulla scontata, si è ottenuta un’intesa sul finanziamento per una nuova procedura di progressione economica.

L’intesa costituisce una prima fase della trattativa sulle nuove progressioni in cui si è ottenuto un incremento delle risorse, previste inizialmente per un importo pari a 7 milioni di euro (circa 4.500 passaggi), oggi portato a complessivi 17 milioni di euro (circa 10.700 passaggi).

Come preannunciato nel precedente comunicato unitario, sapevamo che la ”partita”, seppur difficile, non era chiusa e che l’obiettivo di raggiungere un finanziamento pari a circa 17-18 mln di euro dovevamo ottenerlo… e così è stato!

Descrivevamo nel comunicato, inoltre, che le dinamiche della passata procedura di progressione nonché i vincoli posti dalla Ragioneria e Funzione Pubblica hanno obbligato a che la valenza della nuova procedura fosse per il 2017.

Di fatto, quindi, l’intesa impegna 17 milioni dei 25 ad oggi disponibili ai fini delle progressioni. Del resto, definire un importo maggiore avrebbe significato “esasperare” i limiti di spesa delle risorse del fondo, ad oggi, quantificabili ed utilizzabili.

Ciò detto, però, con previsione “programmatica” (4° capoverso dell’intesa) ci si è lasciati la possibilità di incrementare il finanziamento con ulteriori risorse che potrebbero rendersi disponibili nel corso dell’anno 2017.

Del resto l’intesa ribadisce anche l’importanza di avviare un percorso di valorizzazione delle professionalità secondo una cadenza temporale più ravvicinata e, quindi, è necessario pianificare finanziamenti anche per successive procedure.

La trattativa ora si dovrà concentrare sulla prossima fondamentale fase della definizione dei requisiti di partecipazione e dei criteri di progressione.

* * *

Posizioni Organizzative: criticità e soluzioni.

L’Agenzia, sin dai precedenti incontri aveva strettamente vincolato il confronto sulle progressioni economiche all’esigenza organizzativa di funzionalità delle Posizioni Organizzative artt. 17 e 18 CCNI.

E’ noto pure che, esercitando potestà unilaterali, nel 2013 prorogò unilateralmente per 3 anni (!) gli incarichi nonché il loro finanziamento con somme c.d. “certe e stabili” altrimenti utilizzabili per le progressioni.

La mediazione del confronto di oggi su materia, purtroppo, prevalentemente non rientrante  nella contrattazione, ha orientato verso limiti più “accettabili” il precedente non condivisibile “modus operandi” dell’Agenzia.

Con direttiva che a breve sarà anche oggetto di informativa alle OO.SS., l’Agenzia disporrà l’avvio generalizzato degli interpelli degli incarichi che vanno a scadenza il prossimo 31 dicembre. E’ stato prospettato la possibile eccezione per gli incarichi recentemente assegnati (esempio quelli dell’area Territorio di cui al protocollo d’intesa del 28 aprile 2016).

Con l’intesa si è intervenuti sulla “spinosa” questione del finanziamento delle Posizioni Organizzative che, sebbene il nostro contratto preveda pro-quota a carico del Fondo ed in parte dell’Agenzia, abbiamo ormai da tempo rivendicato la non obbligatorietà che le risorse del Fondo attingessero tra quelle avente carattere di “certezza e stabilità” (utilizzabili per progressioni).

Oggi si è riusciti finalmente a mandare in soffitta l’accordo del 2010 (più volte prorogato dall’Agenzia)  e, diversamente, si è previsto che le risorse necessarie (i circa 10 milioni di euro) non siano oggi definiti né “certe e stabili” (come vorrebbe la Ragioneria) né variabili, ciò fin quando non sarà definitivamente costituito il fondo per l’anno 2017 (cioè nel 2018 o 2019). Tale ampio lasso di tempo consentirà di poter chiarire e far valere le nostre ragioni a che il finanziamento sia da considerare costituito da risorse variabili se non addirittura, in sede di rinnovo contrattuale, integralmente a carico dell’Agenzia.

Il finanziamento, al massimo previsto per il 2017 o sino a quando si avvierà la preannunciata riorganizzazione dell’Agenzia porta con sé la conseguenza che gli incarichi ex artt. 17 e 18 avranno scadenza, al più, annuale.

In questo lasso di tempo sarà più che mai necessario, così come da impegno assunto dell’Agenzia, rivedere l’intero istituto delle P.O. sotto tutti i profili: pesatura degli incarichi e aggiornamento delle indennità di posizione e di risultato, finanziamento, criteri, ecc..

L’intesa sottoscritta, inoltre, non esclude che le Scriventi OO.SS. possano reclamare ed ottenere, con ogni lecito strumento consentito dal nostro ordinamento giuridico, che gli atti dell’Agenzia siano coerenti e rispettosi di tutti i principi previsti in materia dalle norme e dal contratto!

* * *

Oggi, quindi, registriamo un nuovo successo della nostra azione sindacale dopo quelli ottenuti recentemente in materia di salario accessorio (Fondo 2014, II acconto 2015 e I acconto 2016)!

Roma, 15 dicembre 2016




CONFSAL- SALFI                                                   FP CGIL                                                                       CISL FP                                       UILPA

Sempreboni                                                            Boldorini                                                                      Silveri                                           Cavallaro

Sparacino                                                               Di Leo


 
Not.16-058 -AF - Auguri di buon Natale e splendido 2017 alla Categoria Stampa

Image

 

 

 

 

 

 

 

Auguri di buon Natale e splendido 2017 alla Categoria

 

 

 

Stimate colleghe e colleghi,

ritengo che quest’anno il nostro Natale sia pregno di profondi significati, che dovremo scoprire ed apprezzare durante il prossimo periodo di riposo e di familiare riflessione, dopo un lungo, complesso e pesante periodo di lavoro.

E’ da anni, forse pochi, forse molti, che mi regalo il doveroso piacere di augurarvi le miglior cose per i vostri più cari momenti natalizi, ma quest’anno intendo prospettarvi un positivismo pragmatico, per un futuro in salita, per rendere il nostro futuro sì più razionale, ma anche più certo, nei risultati e quindi nelle soddisfazioni.


Leggi tutto...
 
IL SALFI SULLA STAMPA - ADNKRONOS 12/12/2016 Stampa


CONFSAL-SALFi :" PA Fisco e lavoro dossier da affrontare"

Confsal Salfi: Pa fisco e lavoro dossier da affrontare

Sebastiano Callipo segretario generale Confsal Salfi

"Sono diversi i dossier aperti che il nuovo Governo dovrà affrontare, con un’agenda che, a mio parere, vede in cima Equitalia, i cosiddetti statali, nonché le questioni della riforma della Pa, del Fisco e del lavoro". A dirlo Sebastiano Callipo, segretario generale del Confsal Salfi, sindacato autonomo dei lavoratori finanziari. "In tema di fisco -sottolinea- va rammentato che le partite iva attendono, da tempo, l’archiviazione dell’esperienza degli studi di settore per traslare allo strumento dell’indicatore della fedeltà fiscale. Inoltre, va terminalizzato il restyling di Equitalia".

"Sul fronte lavoro -rimarca Callipo- c'è la necessità di garantire il decollo delle nuove politiche attive e l’attuazione del documento unitario, Confindustria-sindacati, sulle gestioni delle crisi aziendali. In particolare, i dipendenti pubblici attendono la realizzazione dei contenuti scritti nell’accordo del 30 novembre per il rinnovo del contratto, specie sotto il profilo finanziario (le risorse finanziarie sono inesistenti per il 2018), per il quale hanno bisogno che il cantiere della riforma del pubblico impiego si riapra al più presto, con l’atto di indirizzo all’Aran ed il Testo unico, da varare a febbraio dell’anno prossimo, previa intesa con gli enti locali".

 
Not.16-057-AF - L’agenda del Governo per noi lavoratori Stampa

ImageNotiziario n. 57 del 12 dicembre 2016

 

 

 

 

 

 

 

L’agenda del Governo per noi lavoratori

 

 

 

 

Sono diversi i dossier aperti che il nuovo Governo dovrà affrontare, con un’agenda che, a mio parere, vede in cima Equitalia, i .c.d. statali, nonché le questioni della riforma della PA, del Fisco e del lavoro.

In clericale sintesi, per non annoiarvi, vi è la realizzazione dell’ “intesa “ (sic! e poi sic!) del 30 novembre scorso per il rinnovo dei contratti pubblici, laddove, post Consulta, vi sono anche all’Ordine del Giorno, i correttivi per salvare le regole sui licenziamenti sprint degli assenteisti, nonché, come ricorderete, il taglia-partecipate e i nuovi meccanismi di nomina dei dirigenti.

Su quanto sopra, servirà un’intesa con Regioni ed Enti locali.

In tema di Fisco va rammentato che le partite iva attendono, da tempo, l’archiviazione dell’esperienza degli studi di settore per traslare allo strumento dell’indicatore della fedeltà fiscale.


Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 26 di 98
Le rubriche del S.A.L.Fi.

Segretario Generale           Lavoro Finanziario           Salfi sulla Stampa
 
Top! Top!